Autunno del Maino Doc 2017

AUTUNNO DEL MAINO DOC 2017
3+2 edizione

Ci sono appuntamenti autunnali immancabili: le foglie cadono, l’uva e le castagne vengono raccolte dopo essere giunte a maturazione, le piogge insistenti (surriscaldamento globale permettendo) rinfrescano le giornate non più estive… E come ogni autunno da qualche anno a questa parte -ben cinque a dirla tutta- il nostro collegio si è trasformato nella meravigliosa location della serata dell’Autunno del Maino, un evento in cui nuovi, vecchi e vecchissimi collegiali hanno l’occasione di conoscersi, godendo insieme delle bellezze e delle prelibatezze di questa magica stagione in stile pavese D.O.C..
Attorno ad una tavolata imbandita con gnocco fritto e salumi tipici, i Giasoniani hanno avuto modo di conversare piacevolmente sorseggiando del buon vino stillante da una fontana in cartapesta appesa ad un “muro”, ovviamente di inconfondibili mattoni rossi, con gli stemmi dell’Oltrepò pavese e del collegio campeggianti dall’alto. L’accoglienza è stata affidata alle zelanti matricole, agghindate di tutto punto per l’occasione: da uva, da castagne… C’erano persino una lumaca e un riccio, per non parlare dei due teneri maialini e dei due neri corvi. E dove ci sono questi ultimi, non può certo mancare lo spaventapasseri… Attraversato il fiume su un delizioso ponticello di cartone, gli ex collegiali hanno trovato allestita per loro un’intera Sala Colazione, novembrina più che mai. Le foglie, raccolte in ogni angolo di Pavia, sparse e appese dappertutto assieme ad un simil-Van Gogh raffigurante l’amena campagna pavese contribuivano fortemente a creare l’atmosfera giusta.
Così, tra bocconi di pane e coppa e sostanziose chiacchierate è trascorsa la prima parte della serata, mentre la seconda si è consumata danzando al buio sulle note delle canzoni pompate al massimo da un deejay di tutto rispetto. A quel punto non esistevano più differenze di età: tutti ballavano e si divertivano senza remore.
La serata si è conclusa alle 24:00 in punto. Il sapore un poco amaro del congedo è stato senz’altro addolcito dalla piacevolezza della serata appena trascorsa e dalla promessa di un prossimo Autunno del Maino.
Tante persone hanno contribuito a rendere non solo possibile, ma addirittura memorabile questa serata.
Si ringraziano prima di tutto i rettori, l’uscente prof.ssa Crotti e il benvenuto prof. Colloca, e la sig.a Orlandi per aver permesso la tradizionale serata. Si ringraziano l’Associazione dei Giasoniani per il suo usuale supporto e il mitico ideatore della serata, Nicholas Nese, che come sempre ha promosso l’iniziativa.
Infine, un grandissimo grazie e complimenti a tutti i collegiali che hanno impiegato tempo e forze nell’organizzazione della festa: nulla sarebbe stato lo stesso senza di voi. Anzi, senza di noi.

Cristiana Cabrini

About the Author: Ranta